Categorie
RICHIESTA-PROPOSTA DI COOPERAZIONE

Recentemente sono nate, d’improvviso in Provincia di Reggio Emilia la ”Comunità dei Centri Civico-Culturali dell’Appennino Reggiano” e la ”Comunità dei Centri Civico-Culturali della Provincia di Reggio Emilia”: si tratta di un parto prematuro?

Qualcuno potrebbe anzi obiettare che già è esistita a suo tempo in Appennino la Comunità Montana e attualmente l’Unione dei Comuni, e che la Provincia di Reggio Emilia è di per sé una Comunità di Comuni. Al che noi rispondiamo che, se la Comunità Montana ha funzionato male, l’Unione dei Comuni non ha funzionato affatto, è stata quindi inesistente; quanto alla Provincia di Reggio è stata ad un tempo madre (per alcuni) e matrigna (per altri), come è apparso del tutto evidente dagli esiti delle recenti consultazioni elettorali.

Si potrà poi anche chiedere cosa c’entrano i <<Centri Civico-Culturali>>: non ci sono già i Comuni? Noi siamo convinti che i Comuni, come ogni altro tipo di Comunità politica, esistano solo in quanto siano tenuti in vita dai <<Cittadini>> consapevoli di farne parte; e questo vale per Comuni, Province, Regioni, Stati, Unioni di Stati, fino (come Noi auspichiamo) ad una Comunità a livello globale (come intende, per denominazione, la stessa Chiesa Cattolica, e già S.Agostino nel <<De Civitate Dei>>).

Perché questo si verifichi occorre però che i Cittadini possano costantemente comunicare fra loro e poi con i loro Amministratori, per decidere via via quale sia il bene comune e scegliere il modo migliore per realizzarlo. Ma se questo era abbastanza facile nella Polis di Platone per mezzo del <<Dialogo>>, questo prezioso strumento sembra diventato impossibile per le macrostrutture di gran parte degli Stati moderni, tanto da essere diventato attualmente molto scarso o spesso del tutto assente. Noi comunque abbiamo trovato il modo di ridargli vita, tramite l’attività dei <<Centri Civico-Culturali>> (necessario almeno uno ogni Comunità), i quali raccogliendo da appositi <<Organi di base>> (o <<Centri di interesse>>) le richieste dei Cittadini le propongano, dopo opportuna discussione e valutazione e selezione, ai loro Amministratori perché le portino ad attuazione. Fondamentale dunque, evidentemente, la funzione dei Centri Civico-Culturali come sede permanente di Educazione Civica (la Materia per cui è stato indetto, invano, un referendum propositivo!), e come imprescindibili intermediari fra i Cittadini e gli Amministratori da loro eletti. Ma, ad integrazione, sia pure parziale, di quanto detto sopra, si veda su internet quanto è stato scritto nei siti web <<Welfare Italy>> (per l’attività passata) e www.ccccw.eu (per quella più recente).

Alla creazione improvvisa di queste due Comunità di livello medio-alto ci ha costretto la necessità di collaborare (come richiesto a gran voce e come è del resto naturale) ad arginare la gravissima crisi verificatasi attualmente a livello globale; ma ci hanno anche indotto le dichiarazioni di disponibilità di alcuni nostri Sindaci (implicite per esempio nelle parole con cui Bini si è presentato al suo secondo mandato: <<Noi per l’Appennino>> e nella frase contemporanea, di Manari, riportata a grandi lettere sul Carlino <<Stabilitevi qui. Vi aiuteremo>> e c’ha anche sostenuto il trovarci d’accordo su certe considerazioni fatte allora dal Senatore Giovanelli sul Carlino, e soprattutto sull’idea che poteva essere quello il momento opportuno (e Noi oggi diciamo indifferibile) per cominciare a fare rivivere l’Appennino (e non solo!). Ma determinante è stata la consapevolezza di dover intervenire ad esercitare un preciso diritto dovere come Cittadini non privi fra l’altro della necessaria competenza, avendo vissuto quasi tutti la maggior parte della propria vita in Appennino o comunque nella Provincia di Reggio Emilia conoscendone quindi molto bene i problemi, e avendo diverse soluzioni valide e urgenti da proporre (o in parte da riproporre). Manca solo una risposta, se possibile immediata, da parte degli Amministratori che fossero davvero interessati a collaborare.

20 Maggio 2020

Il Comitato Promotore CCCCW

Website: http://www.ccccw.eu

Email: comitatopromotore@ccccw.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *